×
Ricerca Rapida

Logo Flora Vascolare

Phalaris arundinacea L.

Sinonimi principali:
Phalaroides arundinacea (L.) Rauschert; Typhoides arundinacea (L.) Moench
Famiglia:
Poaceae
Nome italiano:
Scagliola palustre
Nome francese:
Alpiste roseau
Status:
+
Frequenza:
L
Origine:
autoctona
Habitat:
rive dei corsi d’acqua, bordi di laghi e stagni, paludi
Distribuzione

Diffusa principalmente nella valle centrale, osservata da Pont-Saint-Martin a Morgex !, soprattutto lungo la Dora. Segnalata anche in alcune valli laterali: V. Chalamy, al bordo del torrente sotto Veulla; V. di Cogne, presso il paravalanghe di Sylvenoire (Kaplan K. & C., 2019); Valgrisenche, sopra l'Alpetta Ferrod, lungo la strada (Kaplan K. & C., 2019) e presso il ponte tra Surrier e Ussellières (Kaplan K. & C., Bovio, Ganz & Broglio, 2019);  Gressoney-Saint-Jean all’emissario del lago Gover (Desfayes).
 

Altitudine
coll-mont-(subalp)
Quota minima
305 m - Donnas, lungo la Dora a nord-est di Pramotton (Bovio, 2002)
Quota massima
1785 m - Valgrisenche, presso il ponte tra Surrier e Ussellières, 1785 m (Kaplan K. & C., Bovio, Ganz & Broglio, 2019)
Variabilità

Da noi la subsp. arundinacea. Anche coltivata e subspontanea (var. picta) come testimoniato dai campioni di Vaccari (Aosta a Siloé, naturalizzata sec. Vaccari; Courmayeur, coltivata) e di Camperio (Cogne) in FI, verificati da R. Baldini. È possibile che possano essere attribuite a questa varietà anche parte delle altre segnalazioni.

Note

In BOVIO (2014) questa specie è stata trattata sotto il binomio Phalaroides arundinacea (L.) Rauschert.

Herb. (campione teste)
AO-N.SFV-562: Quart, 1990 - Bovio & Rosset det.
Riferimenti bibliografici
BOVIO, 2014: 175; PEYRONEL et al., 1988: 52; BALDINI, 1993; DESFAYES, 1993: 52

Galleria fotografica (5 immagini)